logo-mini
OF News - OF Osservatorio Finanziario

SOMMARIO

Un numero sempre maggiore di prestiti possono essere richiesti direttamente via app o Internet banking. Tra i vantaggi, la velocità di risposta ed erogazione, la possibilità per il cliente di gestire in autonomia tutte le fasi della richiesta definendo importi e numero delle rate e l’azzeramento di alcune spese come quelle di istruttoria. La soluzione in generale sembra adatta a chi richiede somme non troppo elevate. A parte BNL che eroga fino a 100.000 euro. Ecco le offerte attive al momento, con Tan dal 2,95%, e le ultime novità

Leggi Anche:

Nuove banche. Ora i prestiti si trovano nella app. Ecco come funziona

Sono sempre di più gli istituti di credito che consentono di richiedere prestiti istantanei via Internet o via app, senza doversi necessariamente recare in filiale.
Nella maggior parte dei casi basta essere già clienti e accedere alla propria area personale per effettuare un preventivo ed eventualmente sottoscrivere online il finanziamento di cui si ha bisogno. Scegliendo tra varie opzioni quella più adatta o conveniente.

Bisogna, però, fare attenzione: in alcuni casi per poter richiedere, soprattutto via app, un prestito è necessario che il merito creditizio del cliente, cioè la sua affidabilità dal punto di vista economico e la sua capacità di rimborso, sia già stato “pre-valutato” dalla banca. In caso contrario la funzionalità non è attiva ed è comunque necessario rivolgersi prima alla filiale. Inoltre, soprattutto le banche tradizionali, consentono di richiedere via web e app prestiti di importi inferiori rispetto a quelli standard.

Ecco i prestiti più innovativi, da richiedere e gestire in autonomia, e le ultime novità delle principali banche e finanziarie.

Intesa Sanpaolo propone già da tempo PerTe Prestito in Tasca, una linea di credito da gestire anche via Internet banking e mobile banking che mette a disposizione del cliente (che possiede un conto della banca da almeno 6 mesi) una somma che può essere gestita in base alle sue esigenze, anche in più tranche.
L’importo massimo è di 5.000 euro e il piano di rimborso va da un minimo di 12 a un massimo di 48 mesi. Per gli utilizzi entro il 30 settembre 2017 è previsto un Tan fisso del 6,40% e un Taeg a partire dal 6,70%, con spese di istruttoria azzerate.

Ipotizzando un finanziamento di 500 euro, con l’applicazione del Tan del 6,40% e una durata di 12 mesi, il cliente paga una prima rata da 45,76 euro e le successive da 43,13 euro, per un Taeg complessivo del 7,35%.

Anche la nuova Banca5 del Gruppo Intesa Sanpaolo, nata a seguito dell’acquisizione di Banca ITB (banca dei tabaccai) consente di richiedere via web e app un prestito, creato in collaborazione con Agos, disponibile in 3 versioni in base all’importo richiesto. Si può scegliere, in promozione fino al 31 dicembre 2017, Small con importo di 1.000 euro e Tan dell’11% e Taeg del 19,12% da restituire in 18 rate mensili da 60,52 euro; Medium da 3.000 euro con Tan del 12% e Taeg del 14,96% con rimborso in 24 rate da 141,22 euro oppure Plus per un importo di 15.000 euro, Tan del 12% e Taeg del 13,85%, per 48 rate da 131,67 euro. Una volta richiesto un finanziamento, l’esito arriverà via mail.

---- È disponibile solo nell’app di mobile banking di UniCredit il prestito CreditExpress Easy per importi da 1.000 fino a 5.000 euro. Per richiederlo è necessario essere clienti già pre-valutati dalla banca e avere un conto corrente da almeno 6 mesi.
La durata del rimborso va da 12 a 36 mesi ed è applicato un Tan fisso del 6,90%. Ipotizzando un finanziamento da 3.018,29 euro, l’importo può essere restituito in 24 rate mensili da 135 euro con Taeg dell’8,23%.

UBI Banca, invece, consente ai suoi clienti di richiedere solo dall’area privata dell’Internet banking il Prestito Personale Online, da 200 a 20.000 euro e durata fino a 60 mesi. Il Tan fisso è dell’8,15% e 5.000 euro possono ad esempio essere rimborsati in 36 rate mensili da 157,06 euro con Taeg dell’8,70%. Non sono previste spese di istruttoria e incasso rata.

Calcolando online il preventivo e siglando il contratto con la firma digitale, il nuovo prestito In Novo 1Click di BNL-BNL Paribas, disponibile anche con la banca online Hello bank!, può essere richiesto e gestito completamente online. In promozione fino al 27 ottobre 2017, può avere importi fino a 100.000 euro, senza spese di istruttoria. Il Tan fisso è del 6,41% e ipotizzando una richiesta da 14.000 euro il finanziamento può essere rimborsato in 96 rate da 186,80 euro con un Taeg del 6,67%.
Inoltre, via Internet banking o inviando un sms al numero dedicato è possibile usufruire delle opzioni di cambio e salto rata.

È stata lanciata da poco anche l’applicazione Agos4Now per Crédit Agricole, attraverso la quale i clienti della banca possono richiedere l’omonimo prestito per importi fino a 3.000 euro, con la possibilità di conoscerne immediatamente l’esito. Il preventivo via mobile è disponibile anche per chi ancora non è cliente Crédit Agricole. Ipotizzando un prestito da 3.000 euro con rimborso in 24 rate mensili da 32,89 euro il Tan applicato è del 5,95% e il Taeg dell’8,31% con promozione valida fino al 30 settembre 2017.

Per importi fino a 10.000 euro anche Banca Sella consente di richiedere online il suo prestito Sella.it, con Tan fisso del 6,99%, erogato da Consel. Ad esempio, un importo di 6.500 euro può essere restituito in 48 rate da 155,62 euro al mese, con Taeg del 7,36%.

Sempre attraverso l’Internet banking, Fineco ha in promozione un prestito fino a 50.000 euro con Tan a partire dal 2,95%. Per prestiti da 2.000 a 4.000 euro la durata va da 12 a 48 mesi, per quelli fino a 10.000 euro arriva a 72 mesi e fino a 50.000 euro a 84 mesi. Per richiederlo è necessario essere correntisti della banca da almeno 3 mesi.
La valutazione è immediata per richieste fino a 15.000 euro, con accredito del prestito in tempo reale, anche il sabato e la domenica, esclusivamente per clienti già pre-valutati.

© OF Osservatorio Finanziario - Riproduzione riservata


Il nostro network

Contatti

Of Osservatorio finanziario

OfNews è una realizzazione di Of Osservatorio finanziario. Vai al sito

Visita il sito