Mutui famiglie e giovani. Qualcosa cambia/ Surroga

Spread che scendono sotto all’1%. Promozioni sempre più spesso con Loan to Value al 50%. Durate più ridotte, con le migliori offerte che riguardano i 10 anni. Chi sceglie ora la surroga opta principalmente per il tasso fisso, più sicuro da eventuali rialzi, e può ottenere condizioni vantaggiose se il finanziamento copre solo fino al 50% del valore dell’immobile. Ecco i migliori mutui surroga a tasso fisso e variabile
di: Eleonora Riva
20 Giugno 2016
Condividi

Leggi anche:
» Mutui, famiglia e giovani. Qualcosa cambia
» Mutui, famiglia e giovani. Qualcosa cambia/ Mutui al 100%
Mutui, famiglia e giovani. Qualcosa cambia/ L’intervista a Intesa Sanpaolo (mercoledì 22 giugno 2016)


Spread che scendono sotto all’1,00%. Promozioni sempre più spesso con Loan to Value (percentuale del finanziamento rispetto valore dell’immobile) al 50%. Durate più ridotte, con le migliori offerte che riguardano i 10 anni.
Sono queste le caratteristiche attuali dei mutui. E non valgono solo per l’acquisto dell’abitazione o per ristrutturarla, ma molto spesso anche per la surroga, cioè per trasferire il finanziamento dalla vecchia banca a una nuova, a migliori condizioni.

I tassi ai minimi storici e le continue offerte con spread sempre più bassi rendono il momento favorevole per il trasferimento, e quindi per riuscire a ridurre l’importo delle rate ancora da pagare. Con una preferenza per il tasso fisso, perché più sicuro di quello indicizzato sull’Euribor, che prima del termine del finanziamento potrebbe tornare ad aumentare, facendo lievitare così anche le rate.

Rottamare ora il prestito è conveniente e sono in molti a farlo. Alcuni istituti, infatti, hanno comunicato che il 30% dei contratti stipulati sono collegati alla portabilità.

Tra i primi vantaggi vi è proprio che a occuparsi di tutto il necessario per il trasferimento è la nuova banca. Inoltre, non sono previste spese di perizia o di istruttoria.
Sempre più spesso, però, è “vecchia” banca riduce essa stessa i tassi, facendo optare il mutuatario per una rinegoziazione e non per un trasferimento.

Se la scelta finale è comunque quella di surrogare, si deve prestare attenzione ad alcune condizioni dei mutui al momento in offerta.

Alcuni, infatti, permettono di effettuare questa operazione solo se l’importo ancora da restituire è di almeno 40.000/50.000 euro, ma ci sono istituti come ING Direct e Webank che non accettano importi inferiori agli 80.000 euro.

Intesa Sanpaolo SharingIDEAS

Va poi tenuto in considerazione che le offerte migliori sono relative a un Loan to Value che spesso non supera il 50%. Significa che il cliente che vuole surrogare deve essere in grado di coprire il restante valore dell’immobile con somme in suo possesso. Questo perché si è più propensi a concedere credito a clienti affidabili, che devono fornire buona parte dei soldi di tasca propria, non coperta dal finanziamento, e ciò li rende sicuramente più sicuri.

Of-Osservatorio finanziario ha analizzato i 108 mutui surroga presenti all’interno del DB Prodotti Bancari. Per Loan to Value fino al 50%, cioè per la maggior parte delle offerte attualmente proposte dalle banche, e prendendo come esempio una durata di 15 anni, lo spread medio è pressoché lo stesso sul tasso variabile (1,47%) e sul tasso fisso (1,46%). Se si vuole arrivare a finanziare oltre il 50% e fino a un massimo dell’80% lo spread è rispettivamente del 2,06% e del 2,05%.

Pagine: 1 2 Avanti





Scenari Immobiliari il forum 2017





















ALTRE NEWS

OFMigliorMutuo 2017

Elisa Vannetti51 giorni fa